La guerra dell’ISIS


La guerra dell’ISIS

I soldi dell'Occidente nelle tasche dell'ISIS, guarda il video per capire meglio cosa succede e cosa c'è dietro all'isis.

 sicuramente non scopriamo oggi che viviamo in mondo marcio, corrotto dove si fa tutto in nome del dio denaro usando le varie religioni come scusa, ma è altrettanto sicuro che ci sono tantissime altre cose che non sappiamo e che fanno di tutto per tenerci allo scuro.

Chi è l’isis?

Lo Stato Islamico (abbreviato IS, in arabo: الدولة الإسلامية‎, al-Dawla al-Islāmiyya) è un gruppo terroristico islamista attivo in Siria e Iraq, il cui attuale capo, Abu Bakr al-Baghdadi, nel giugno 2014 ha unilateralmente proclamato la nascita di un califfato nei territori caduti sotto il suo controllo.

Le origini del gruppo risalgono ad “al-Qāʿida in Iraq” (2004-2006), poi rinominata “Stato Islamico dell’Iraq” (2006-2013), fondata da Abu Mus’ab al-Zarqawi nel 2004 per combattere l’occupazione americana dell’Iraq e il governo iracheno sciitasostenuto dagli USA dopo il rovesciamento di Saddam Hussein. A partire dal 2012 lo Stato Islamico dell’Iraq è intervenuto nella guerra civile siriana contro il governo di Baššār al-Asad e nel 2013, avendo conquistato una parte del territorio siriano e scelto come propria capitale Raqqa, ha cambiato nome in Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS).

Fig. 1. Zona delle operazioni della formazione sunnita jihadista dello Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS), in rapporto agli oleodotti e ai giacimenti di greggio (Fonte: per la zona dei territori controllati dall’ISIS a giugno 2014 wikipedia)

 

Nel 2014 l’ISIS ha espanso il proprio controllo in territorio iracheno (con la presa in giugno di Mossul), proclamando la nascita del “califfato” il 29 giugno 2014. Le rapide conquiste territoriali dell’ISIS hanno finito per attirare la preoccupazione della comunità internazionale, spingendo gli Stati Uniti d’America e altri Stati occidentali e arabi aintervenire militarmente contro l’ISIS con bombardamenti aerei in Iraq da agosto 2014 e in Siria da settembre 2014.

Dapprima alleato di al-Qāʿida, rappresentata in Siria dal Fronte al-Nusra, l’ISIS se ne è definitivamente distaccato nel febbraio 2014, diventandone il principale concorrente per il primato nel jihad globale. Così, a partire da ottobre 2014, altri gruppi jihadisti esterni all’Iraq e alla Siria hanno dichiarato la loro affiliazione all’ISIS, assumendo il nome di “province” (wilāyāt) dello Stato Islamico: tra queste, si sono particolarmente distinte per le loro attività la provincia del Sinai, attiva nella regione egiziana del Sinai, e le province libiche di Barqa e di Tripoli, che, nel contesto della seconda guerra civile libica, controllano alcune città in Libia.

L’ONU e alcuni singoli Stati hanno esplicitamente fatto riferimento allo Stato Islamico come a un’organizzazione terroristica, così come i mezzi d’informazione in tutto il mondo. (fonte wikipedia)

La nascita dell’ isis ricorda vagamente la nascita di Israele, ma il 14 maggio 1948 l’ONU non si oppose, anzi tutto l’occidente appoggiò la nascita dello stato ebraico a discapito della Palestina. E’ vero! Israele non ha e non ha mai avuto terroristi kamikaze che hanno colpito paesi occidentali, ma essere i responsabili di 6404 morti palestinesi non è da meno. Sembra quasi che se le ingiustizie vengono commesse lontano dai nostri confini, il problema non ci riguarda.

1 Commento su La guerra dell’ISIS

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On Youtube